3 legni pregiati per i mobili del soggiorno



Il soggiorno è uno degli ambienti della nostra abitazione che viviamo di più e dove sentiamo il vero calore della casa.
La scelta dei materiali che compongono l’arredamento è fondamentale per rendere l’ambiente non solo bello, elegante e curato ma anche salubre e durevole nel tempo.
Il signor materiale per i nostri mobili, e del soggiorno in particolare, è senza ombra di dubbio, il legno.Legno massello
Questo tipo di legno è il più costoso e pregiato.
È il chiamato comunemente legno massiccio.
Il legno massello è ricavato direttamente dal tronco dell’albero da cui vengono tratte delle tavole di legno che sono messe a stagionare e poi lavorate e assemblate con colle speciali.
Le tavole che si ottengono vengono, infine, cerate, lucidate e verniciate tanto da avere in effetto estetico molto bello, originale e particolare.
I mobili in legno massello sono durevoli nel tempo, risultano pesanti e robusti e il loro effetto estetico naturale, ricco di venature, è di forte impatto visivo.



Legno lamellare
Questo tipo di legno è formato da sottili lamelle di legno massello incastrate tra di loro.
È meno costoso del legno massello ma altrettanto durevole nel tempo.
Spesso viene verniciato e risulta esteticamente molto simile al massello.
Il legno lamellare è resistente al calore e all’umidità per cui non si deforma con facilità.

Legno tamburato 
Il legno tamburato è più costoso dai precedenti.
È utilizzato per mobili pregiati e di qualità, risulta leggero ma resistente, comunque, nel tempo. Subisce una lavorazione particolare, realizzata inserendo strati di legno incastrati tra di loro; verso il suo interno si realizza una struttura a nido d’ape formata con legno ma sorretta da rinforzi metallici che donano leggerezza.
È un tipo di legno molto maneggevole e bello esteticamente.

Tipi di legno
I vari tipi di legno si chiamano essenze e si classificano in base all’albero di provenienza.
Si hanno quindi legni duri e legni teneri.
Tra i primi viene usato molto il ciliegio, la quercia, il pero e il noce, mentre tra i secondi abbiamo l’abete, il tiglio e il pioppo.
Il legno, anche se lavorato artigianalmente o industrialmente, continua a vivere nelle nostre case.
Ecco perché ci sentiamo avvolti in un abbraccio quando siamo in soggiorno.