Cosa Fare una Settimana prima del Trasloco Casa



Manca una settimana prima del trasloco? Meglio rompere qualche indugio e cercare di porre in essere quelle operazioni che non avrebbero potuto esser fatte un mese prima (poiché sarebbe stato troppo in anticipo) ma nemmeno il giorno del trasloco. Ma quali sono?



In primo luogo, cercate di capire se avete già compiuto tutte le operazioni di comunicazione del nuovo indirizzo al Comune e ai fornitori di servizi. Se ve ne siete dimenticati, correre ai ripari: oramai la maggior parte di queste operazioni sono effettuabili direttamente online, e dunque non vi richiederanno certamente tanto sacrificio (anzi). Di contro, vi permetteranno di evitare dimenticanze che potrebbero risultare particolarmente nocive nel momento in cui bollette e altre comunicazioni arriveranno ai vecchi domicili.

Pertanto, contattate le compagnie di energia elettrica esistenti e nuove, informandole del nuovo indirizzo e della data di cambiamento, con almeno qualche giorno di preavviso. La stessa cosa dovrete farla con altri fornitori, come quelli del gas e dell’acqua. In ogni caso, evitate di attendere l’ultimo momento, poiché dovrete dare il tempo alle società vecchie e nuove di organizzare la disconnessione e il ricollegamento delle forniture.

Vi sono poi una serie di servizi che meritano di essere avvisati, ma con minori urgenze e patemi d’animo rispetto a quanto sopra. È il caso dei servizi di biblioteca (potrebbe essere anche l’occasione ideale per poter restituire tutti i libri della biblioteca che trovi in casa, indipendentemente da quanto tempo li avete avuti), o ancora le iscrizioni a enti, associazioni, organizzazioni, istituti di beneficenza, riviste a cui siete abbonati e tanto altro ancora. Per quanto concerne i bambini, organizzatevi – se possibile –  in maniera tale che possano essere accuditi il ​​giorno del trasloco.

Successivamente, prendete una borsa e riempitela con un cambio di vestiti. Includete anche un kit di “sopravvivenza” per ogni eventualità, mettendo in essa rotoli di carta igienica, lampadine, candele, alcuni strumenti di lavoro, contanti e un elenco di numeri di telefono importanti. Includete tutto ciò che pensate di aver bisogno per un paio di giorni dopo il trasloco. Gioielli e oggetti di valore potranno essere riposti in questa borsa, in alternativa a una cassetta di sicurezza in banca.

Infine, controllate che le chiavi della nuova casa siano disponibili e che sappiate cosa fare con le nuove chiavi (ordine di apertura, ecc.). Eventuali chiavi di scorta dovranno essere chiaramente etichettate e lasciate dove saranno visibili, nel momento in cui si lascerà la casa, il giorno del trasloco. Altresì, verificate con i vicini le aree di parcheggio e risolvete in anticipo eventuali disagi: ricordate che il furgone della ditta di traslochi Roma prezzi alla quale vi siete rivolti avrà dimensioni variabili, ma simili a quelle di un camion di piccole dimensioni. Sarà dunque necessario lasciare lo spazio adeguato, e utile per poter manovrare il mezzo in comodità. Generalmente la ditta di trasloco desidera avere le porte posteriori del carro il più vicino possibile al punto di accesso e, se su una pendenza, il camion dovrà essere frontalmente rivolto verso la discesa.