Come si fa la Scheda di Lettura di un Libro



Per realizzare correttamente la scheda di lettura di un libro è fondamentale riportare alcuni dati a riguardo dell’autore e dell’opera, suddividendo il tutto in diversi punti, tra cui:



  • Nome e cognome dell’autore
  • Titolo completo dell’opera
  • Nome completo della casa editrice
  • Anno di pubblicazione e luogo (città)
  • Genere specifico dell’opera (in tal caso bisognerà avere le idee chiare in base al periodo storico, distinguendo l’opera stessa dal un testo narrativo, poetico, teatrale, ecc. In caso di testo narrativo sarà importante distinguere i sottogeneri che possono celarsi al suo interno, l’eventuale presenza di una fabula, e così via)
  • Personaggi protagonisti e antagonisti principali (ponendo in evidenza la descrizione fisica di ognuno, caratteriale, sociale, anagrafica, la descrizione morale, distinguendo i ruoli di protagonisti, antagonisti, i personaggi secondari. Dovranno essere elencati anche gli atteggiamenti tipici, i tratti particolari fisici o segni distintivi. In questo caso può tornare utile anche un grafico atto a riprendere le relazioni fra i vari personaggi descritti all’interno dell’opera)
  • Ambientazione (questa parte riprende non soltanto l’ambiente all’interno della storia, ma anche i singoli spazi visti e descritti con gli occhi dei rispettivi personaggi)
  • Tempo della storia (in questo caso si parla di fabula e non di intreccio invece, indicandola presenza di possibili flashback oppure di possibili anticipazioni)
  • Tematiche dell’opera (andranno riportati i sinificati celati all’interno delle parti fondamentali dell’opera)
  • Breve Trama dell’opera (in questa parte dovrà essere sintetizzata la trama dell’intera opera, accompagnata da commenti a carattere personale in merito a quali parte sono state di gradimento e quali no)
  • Tecniche narrative (andranno distinte la fabula e l’intreccio all’interno dell’opera, distinguendo il ruolo del narratore)

 

REGOLE PER UNA CORRETTA SCHEDA TECNICA LETTERARIA

Prima di cimentarsi nella realizzazione di una scheda libro sarà utile comprendere a pieno il significato della stessa. Per questo risulterà fondamentale seguire alcune regole precise, al fine di creare una scheda impersonale e oggettiva, che non venga influenzata eccessivamente dal proprio punto di vista.

Commentare in modo personale una scheda tecnica è permesso e fondamentale, ma senza rischiare di decretarne totalmente un giudizio a sfavore o a favore della storia. Influenzare un possibile lettore strettamente da una parte rispetto ad un’altra è sempre e comunque errato durante la realizzazione di una scheda tecnica.

Nella parte finale sarà possibile inserire anche una sorta di valutazione “olistica” rappresentata da un numero di stelline da un minimo di una, ad un massimo di cinque, per esprimere il proprio livello di gradimento. Al termine del lavoro sarà necessario rivalutare il tutto nella sua totalità, andando a modificare le parti poco chiare o non sufficientemente elaborate, nonché il controllo dell’ortografia in caso di possibili refusi.

Per semplificare il tutto sono disponibili online alcuni esempi pratici di schede già pronte, in modalità gratuita, sulle quali esercitarsi e prendere spunto, con esempi su alcuni dei classici più famosi come le opere di Primo Levi, Italo Svevo, Oscar Wilde, e molti altri autori.